UNA CALL FOR ARTISTS IN DIRETTA SU TWITCH

25/11/2020 Off By Tecla
UNA CALL FOR ARTISTS IN DIRETTA SU TWITCH

Dalle menti di Ivana Volpe e Kamilla Lucarelli nasce la 2° edizione di Micro Speed Date. La Call for Artists dedicata alla street art.

Forse il primo bando in Italia che prevede – per i 10 finalisti – una mostra in diretta streaming su Twitch. La TV del futuro!

Leggi l’articolo e scopri come partecipare. Hai tempo fino al 2 dicembre 2020!

Cos'è Micro Speed Date?

Micro Speed Date è una call annuale per artisti che ha lo scopo di creare una rete fra talenti, offrire un’occasione di incontro, condividere pensieri e crearne di nuovi.

Quest’anno il supporto e l’accoglienza dell’Associazione Malatesta, promotrice del Draw The Line Festival a Campobasso, fornirebbe un luogo perfetto per allestire la mostra finale, ma i dubbi sulle possibilità espositive nel mese di dicembre 2020 sono sempre maggiori. 

Abbiamo pensato ad una soluzione. L’alternativa prevede la fruizione digitale, ma con qualcosa in più.

Grazie al ponte Campobasso-Torino, abbiamo aperto una collaborazione con il Laboratorio Artistico Pietra, uno spazio di coworking autogestito da professionisti di diversi rami artistici. 

Il loro canale Twitch sarà il mezzo per fruire delle opere finaliste di Micro Speed Date, ma anche l’occasione per l’artista selezionato di mostrarsi, raccontare l’opera e rispondere alle domande dei visitatori in diretta streaming.

Qual è il tema del bando?

Il fil rouge di questa edizione è quello dell’arte urbana, in tutte le sue sfumature. Vi invitiamo, singolarmente o in gruppo, a produrre un’opera che abbia come ispirazione, fulcro, caratteristica o obiettivo, la strada, la città: svuotata, riempita, pulita e sporcata, teatro di bellezze, paure, crimini e arte. Forse l’unico spettacolo dal vivo che abbiamo visto quest’anno.

Che tu sia uno street-artist, un illustratore, uno scultore, vogliamo che ci racconti la tua street-art: dai disegni alle fotografie, dalle tele ai muri, dalle composizioni digitali alle installazioni multimediali. La strada è da sempre palcoscenico di sperimentazioni, colma di oggetti e di relazioni.

Non potendo viverla a pieno, date le leggi vigenti, l’obiettivo è quello di realizzare qualcosa di ancor più unico, un’arte urbana diversa perché dettata dal Micro-tempo, dai ricordi, dagli sguardi camuffati e dalla finestra.

Come funziona?

Ecco cosa devi fare per partecipare al bando Micro Speed Date | Street Art Edition 2020:

  • La call è aperta a tutti gli artisti (singoli o gruppi) senza limiti geografici, anagrafici e formali.
  • La partecipazione è gratuita.
  • Saranno selezionate dalla giuria opere per un numero massimo di 10. È possibile presentare una sola opera per artista (sono consentite opere costituite da più elementi o serie).
  • L’opera può essere realizzata con qualsiasi tecnica o misto di tecniche: pittura, fotografia, video, audio, scultura, disegno, calligrafia, opere multimediali, senza vincolo di materiali e supporto.
  • Non sono ammesse opere che abbiano contenuti volgari, osceni od offensivi; che in qualche modo ledono la sensibilità altrui, che abbiano un contenuto razzista o che incitino all’odio o alla violenza.
  • Per partecipare alla selezione occorre inviare l’opera in formato digitale ad alta risoluzione con relativa didascalia (nome e cognome, titolo, dimensioni e anno dell’opera, breve descrizione).
  • L’opera potrà essere inviata in formato .jpg, .png o .mp4 della durata minima di un minuto fino ad un massimo di 10 minuti, in 16:9 (minimo 1920 x 1080 px).
  • È consigliato allegare un file .pdf oppure un link al proprio portfolio.
  • Le opere, la didascalia e il portfolio dovranno essere inviati via e-mail a [email protected]om entro le 00.00 del 2 dicembre 2020.

Per qualsiasi domanda o comunicazione, inviare un’e-mail a [email protected] o chiamare il numero 320.152.67.48.

La fruizione digitale su Twitch

La fruizione online dell’opera sarà in forma di video, in diretta streaming.

Gli artisti selezionati saranno invitati a partecipare alla diretta streaming del 17 o del 18 dicembre 2020 sul canale Rolling Pietra per presentare la propria opera, in uno spazio di 30 minuti circa, all’interno del programma sull’arte urbana CHILL BILL.

Il programma nasce da un’idea di Kamilla Lucarelli, in arte KAMIMANI, per raccontare le figure professionali che ruotano attorno all’arte di strada. Ivana Volpe, ideatrice di Micro Speed Date, dirige e co-presenta l’esposizione in diretta.

Attrezzatura per lo streaming

Gli artisti selezionati dovranno auto-munirsi di una webcam, un microfono e un paio di cuffie per presentarsi e poter riprendere le opere fisiche.

Altri contenuti (foto del processo di creazione, video, reference, bozzetti ecc.) utili alla discussione potranno essere inviati dall’artista al team operativo e trasmessi live. Nel caso di opere in formato digitale, saranno trasmesse durante la diretta, nelle modalità tecniche concordate con la regia.

Altre eventuali necessità tecniche per rendere fruibile l’opera verranno concordate con i finalisti.

Il team del bando

L’idea di Micro Speed Date parte da Ivana Volpe, artista multimediale sempre alla ricerca del connubio fra visivo e sonoro: il suo lavoro spazia dalle installazioni audiovisive all’utilizzo dei materiali più tradizionali, passando per la poster-art.

L’incontro con Kamilla Lucarelli avviene nella loro città natale, Campobasso, dove prendono forma in poco tempo diversi progetti artistici ed educativi. Sotto il nome d’arte KAMIMANI, Kamilla è art director e artista urbana; come coworker del Laboratorio Artistico Pietra, è il nostro link con Torino, dove gestirà la diretta espositiva.

Il resto del team è formato da:

  • l’addetto alla regia streaming, Andrea Gagliotta;
  • la traduttrice e fotografa per passione Marisa Giglio che, prima di seguire i nostri canali social, ha realizzato la nostra insegna in cemento come co-founder di Inconcrete;
  • Federico Carlà, artigiano e artista, è d’aiuto e di supporto in tutti gli step del progetto;
  • last but not least c’è Riccardo Gentile Lorusso, restauratore e tecnico museale incaricato della gestione degli artisti e dell’ufficio stampa.

La giuria esterna

Per la scelta della giuria, siamo partiti da artisti di cui conosciamo l’indole e le peculiarità personali, come Smake writer e calligrafo co-fondatore del Draw the Line festivalLuvi street-artist e illustratrice, Carmela Cosco Alberto Ceresoli (con la loro piattaforma PARCO per l’arte contemporanea) e Paolo Alù fotografo torinese di carattere urban.

A quel punto, ci siamo allargati oltre le nostre conoscenze artistico-umane. Abbiamo invitato Nicolas Ballario (Radio1), Marco Sorgato tatuatore e visual artistFilippo Ferrari (Rolling Stone), Simona Serini (MUDEC)Umberto Cofini (Fabrica Research Center). 

Insomma, si è formata una squadra fortemente variegata che sospettiamo ci regali una discussione succosa di stimoli.

Bibliografia